Pisa

Anche la famiglia degli Alberti aveva dei possedimenti nella zona di Caldana e il 10 agosto 1164 l'imperatore Federico I il Barbarossa donò al conte Alberto IV da Prato i beni che eran stati posseduti dal nonno, il conte Alberto II, e dai suoi figli.

E' certo che gli Alberti avessero dei possedimenti nel caldanese perché esiste un documento, datato 20 giugno 1260, nel quale Arcivescovo e Ugoforte (figli del conte Rinaldo di Monterotondo e Gualdrada del fu Tinaccio da Scarlino, e discendenti degli Alberti) vendettero allo zio materno, Ranieri Tinacci, i diritti su Caldana.

Sovana
Sovana

Ranieri, l'11 novembre 1276, vendette i possedimenti al Comune di Pisa. Del 4 luglio 1277 è un altro importante atto, secondo il quale Pisa deteneva tutti i diritti che il conte Ildebrandino il Rosso da Sovana aveva sui territori non solo di Caldana ma anche di Scarlino, di Castellina, di Cesi e di Valli. Anche Ildebrandino aveva comprato questi diritti dalla famiglia Alberti.

Questo dato è significativo per comprendere meglio la condizione storica di quel periodo: sicché sappiamo che Caldana, nel 1260, era un comune e che i territori di Pisa interessavano anche Caldana e le zone limitrofe.

Essere Chiesa Oggi

Foglietto settimanale formativo e informativo della parrocchia di S. Biagio

Estate 2017

Essere Chiesa Estate
Essere Chiesa estate.docx
Documento Microsoft Word 1.0 MB

Messaggio Pasqua 2017

Messaggio Pasqua 2017
MESSAGGIO PASQUA 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 811.0 KB

Codice QR