Quarant'anni di sacerdozio di don Enzo

16 maggio 2010

Discorso dei "giovani"

Il tempo è fatto dalle persone, è edificato dai loro gesti; dal fare, e dall’agire. Le ore gocciolano via, lente, come grani d’un rosario; oppure, esplodono improvvise, devastanti come colpo di fucile. A noi spetta soltanto il compito, faticoso ed estenuante, di non lasciarle trascorrere sterili; ma, piuttosto, di riempirle, di plasmarle in un significato che possa nobilitarci, o che ci consenta di non smarrirci nei nostri dolori senza nome. Le stagioni si travasano, in un gioco perenne a rincorrersi. E noi assistiamo indocili al loro squadernarsi. È fatale, inevitabile. Come-Dio-vuole. Come-Dio-dispone.

Siamo, adesso, già giunti a maggio, l’ennesimo maggio delle nostre vite. E son passati ben quarant’anni da quel giorno particolare, d’un altro maggio, un po’ più remoto, in cui la tua esistenza, Don Enzo, ha virato, decisa e coraggiosa, verso altri orizzonti, verso scelte audaci e radicali.

Ma questo non è un discorso sul tempo che trascorre, che fluisce via. È un discorso sull’importanza che il tempo non trascorra via inutile, non fluisca via senza aver lasciato un seme che, gemmando, possa mostrare a chi verrà dopo, a chi seguirà in questo pellegrinaggio chiamato vita, che qualcuno prima di loro è passato; e che non è passato incurante, né accidioso.

E tu, Don Enzo, certamente di semi ne hai sparsi parecchi: non ti sei risparmiato mai, con quell’ostinazione, quella caparbietà – e anche quel sorriso fiducioso – che hanno i contadini nel curare un campo, nello scrutare il cielo e predire i capovolgimenti del tempo atmosferico. Con quella pazienza con la quale s’attendono i cicli della luna, il rincorrersi delle stagioni. Noi ragazzi avremmo aneddoti divertenti da raccontare; testimonianze importanti, preziose. Avremmo certo anche tante bischerate da proporre, tanti frammenti più dimessi ma non per questo meno importanti. Da apocalittiche guerre estive di guanciali, a olimpionici volteggi e piroette sul ghiaccio; da imbarazzanti infestazioni d’improbabili fantasmi, a spensierate gite in ogni angolo d’Italia e d’Europa; da avventurose estati tra insolazioni e rumorosi inseguimenti sul risciò, seminando il panico tra i turisti che mangiavan gelati, a sfiancanti e terrorizzanti escursioni intorno a laghi alpini, dalle rive scoscese a rovinare nell’acqua, e tutti noi (alcuni piangenti) dietro a te, che spavaldo dicesti: «Ovvia andiamo, tanto vedete che bel sentiero che c’è!».

Ne abbiam passato così tanto di tempo assieme: siamo cresciuti con te, ci siamo confrontati con te; proprio stamattina, addirittura, qualcheduno di noi s’è risvegliato genitore: un traguardo che, a ben pensarci, fa girare la testa, fa aumentare le palpitazioni. Sicché è con te, attore e non già comparsa, che siamo diventati adulti.

Ma questo discorso non vuol essere nemmeno un elenco, un campionario del passato, una riesumazione di ricordi, di reliquie private e intime; e che tali, per loro stessa natura, devono restare. Vuole essere una semplice – come piacciono a te – formulazione di ringraziamento: grazie, Don Enzo, di tutto cuore! Perché ciò che fa trascorrere il nostro tempo, ciò che nobilita il nostro passaggio – breve o lungo che sia – in questo mondo, è la testimonianza, la prova dell’esempio. E con la testimonianza, tu, Don Enzo, ci hai sempre riempito gli occhi, e la mente; e la coscienza.

Firmato: (quelli che una volta furon) i “giovani”

Giulio, Irene M., Alice, Beatrice, Chiara, Irene G.

Essere Chiesa Oggi

Foglietto settimanale formativo e informativo della parrocchia di S. Biagio

22 maggio 2017

Essere Chiesa Oggi n. 38 22 maggio 2017
Essere Chiesa Oggi n38 21maggio2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 345.3 KB

Messaggio Pasqua 2017

Messaggio Pasqua 2017
MESSAGGIO PASQUA 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 811.0 KB

Codice QR